Valorizzare piccoli borghi per lo sviluppo del territorio partendo dalle realtà attive e gli abitanti, in particolar modo dalle giovani generazioni. Questo l’obiettivo del percorso partecipativo Le chiavi di San Pietro, promosso dal Comune di Ozzano dell’Emilia e finanziato dalla Regione Emilia-Romagna attraverso il “Bando Partecipazione 2020” (ex L.R. 3/2018), che pone un particolare focus sul borgo di San Pietro di Ozzano, fra i più antichi insediamenti locali. Il percorso partecipativo si inserisce come primo step dell’amministrazione comunale nella costruzione di un modello di gestione collaborativo per lo sviluppo sostenibile dei piccoli borghi e delle frazioni del contesto extraurbano, agricolo e naturale del territorio.

Il Centro Antartide su incarico del Comune ha curato la progettazione e il coordinamento del percorso, la gestione degli organi di regia interni ed esterni all’amministrazione, il lavoro di costruzione e consolidamento delle reti, la facilitazione degli incontri e delle passeggiate di Quartiere, la formazione rivolta ai tecnici e agli amministratori del Comune nonché la redazione dei documenti di esito del progetto.

Il percorso ha coinvolto giovani cittadini, residenti, associazioni, imprese, aziende, realtà organizzate e gruppi informali in una mappatura condivisa dei bisogni, delle criticità e delle opportunità sulle quali sono state valutate ed individuate delle azioni sperimentali di sviluppo sostenibile e potenziamento collaborativo che hanno portato alla costruzione di una Rete informale di soggetti attivi per il borgo di San Pietro.

La scelta è stata quella di individuare in maniera condivisa, con il coordinamento di una regia centrale, attività e opportunità volte a migliorare il borgo, per renderlo maggiormente fruibile e farlo conoscere anche oltre i confini ozzanesi. Dopo aver individuato i luoghi e gli ambiti di intervento, sono state attivate delle esplorazioni partecipate finalizzate alla co-progettazione e alla realizzazione di azioni di sperimentazione e di valorizzazione collaborativa. Attività che sono confluite nella realizzazione di un’iniziativa corale denominata “La domenica nel borgo”, una giornata con un programma ricco di eventi e iniziative: escursioni, degustazioni, mercatino di produttori locali, laboratori per bambini, performance teatrali, dimostrazione di qi gong, riapertura della chiesa e della torre (simbolo di Ozzano) e lancio di un evento fotografico per la ri-scoperta del borgo a cura di un gruppo di giovani residenti. Un’occasione che ha inoltre permesso all’amministrazione di sperimentare una nuova viabilità nel borgo, la riattivazione di luoghi in disuso e nuove forme di utilizzo degli spazi pubblici presenti a San Pietro.

La fase di ascolto e di co-progettazione con i cittadini ha riscosso un alto interesse in termini di partecipazione da parte degli stessi abitanti di San Pietro e delle realtà attive ad Ozzano; per non disperdere questo entusiasmo e cercare di potenziare e consolidare la comunità ed il rapporto di collaborazione tra gli abitanti e l’Amministrazione, è stata richiesta ed ottenuta una proroga di 90 giorni da parte della Regione E-R per favorire la realizzazione di più azioni sperimentali (differentemente dalle tre previste della scheda progetto) e per cercare di rispondere alle varie esigenze che sono emerse proprio grazie al processo partecipativo. 

Galleria Immagini

Le informazioni del progetto:

2021

Ozzano dell'Emilia

Comune di Ozzano dell'Emilia

Le News

Leggi le ultime notizie sul progetto
Torna su