Alle scuole medie di Bologna e Ferrara le regole per fare un buon viaggio in autobus le portano i campioni dello sport con “Le linee del rispetto”. È “In media stat bus” il progetto-concorso di TPER che si rivolge alle scuole secondarie di primo grado della città: materiali e speciali eventi nelle scuole per ricordare ai giovani passeggeri che la qualità del trasporto pubblico dipende dalle virtù di tutti, azienda e comunità viaggiante.

Nello sport, così come sull’autobus, le regole sono fondamentali. Le norme che disciplinano il gioco, il rispetto per gli avversarsi e per le decisioni degli arbitri e anche, per gli sport di squadra, la collaborazione e l’affiatamento con i compagni: non può esserci gara o partita senza questi elementi fondamentali. Allo stesso modo un viaggio in bus è tanto più piacevole quanto più chi viaggia si attiene ad alcune norme (scritte e non scritte) e in particolare accende il rispetto e la collaborazione con gli altri passeggeri, possibilmente con un pizzico di cortesia e gentilezza.

È con questo messaggio che ogni anno arriva nelle scuole secondarie di primo grado di Bologna e Ferrara il progetto – concorso “In media stat bus”, promosso da TPER e realizzato dal Centro Antartide di Bologna come sviluppo del progetto didattico “L’autobus da comunità a community” : un’occasione per ragionare con i passeggeri più giovani, che a Bologna possono anche usufruire di un abbonamento urbano gratuito, del valore del trasporto pubblico cittadino, un vero e proprio bene comune il cui buon funzionamento dipende dalla cura che ne hanno tutti. Ragazzi ed insegnanti ricevono il manifesto e la pubblicazione “Le linee del rispetto”, che accanto ad alcune informazioni sull’azienda invitano gli studenti a soffermarsi su 10 regole (ciascuna rappresentata da una immaginaria linea di bus) che è necessario seguire quando si sale a bordo: dall’uso corretto delle porte di salita e di discesa (non solo una convenzione ma un vero e proprio modo per rendere più agevoli gli spostamenti a bordo e ridurre perfino i ritardi) alla validazione del biglietto, dall’attenzione agli altri passeggeri (specialmente quelli con difficoltà di movimento) al tema del vandalismo, fino ad arrivare anche a quei comportamenti che mettiamo in atto in strada (slalom fra gli autobus, attraversamenti pedonali improvvisi) e che, anche se non siamo a bordo, influiscono direttamente su quello che succede sul bus. Perché l’autobus in fondo non è altro che una piccola “piazza in movimento”, una comunità in viaggio inserita saldamente nella più grande comunità cittadina.

Accanto alle pubblicazioni le scuole diventano anche teatro di alcuni speciali incontri con i campioni dello sport bolognese: la medaglia di bronzo olimpica Martina Grimaldi, il vice campione mondiale e campione europeo di nuoto Marco Orsi, gli atleti della Fortitudo Baseball Unipolsai, campioni d’Italia in carica, la 9 volte campionessa mondiale di pattinaggio artistico su rotelle Rebecca Tarlazzi, il campione europeo di sciabola under 20 Matteo Neri e la medaglia di bronzo paralimpica di tiro con l’arco Eleonora Sarti.
A partire dal racconto dei successi sportivi di questi atleti, i ragazzi vengono invitati a confrontarsi con loro sul ruolo delle regole in campo e nella vita di tutti i giorni, sulla loro ragione d’essere e sulle conseguenze del seguirle e dell’infrangerle. Gli appuntamenti di concludono poi con una improvvisazione teatrale, animata dagli attori del Teatro dei Mignoli, che invita gli studenti a immedesimarsi nei diversi “personaggi” presenti nelle tipiche situazioni di bus (studenti, anziani, mamme, turisti, ma anche autisti e verificatori), per ricordare che spesso, ancora prima delle norme, basta un po’ di attenzione all’altro e di immedesimazione negli altri passeggeri.
“In media stat bus” si conclude in ogni edizione con uno speciale concorso, un clickday in cui tutte le classi delle scuole medie di Bologna e Ferrara potranno collegarsi a una pagina del sito Tper rispondendo a una serie di domande sulle “Linee del Rispetto”: per la classe che risponde correttamente e più rapidamente in palio 500 euro da utilizzare per il viaggio di una o più gite scolastiche in pullman.

Galleria Immagini

Le informazioni del progetto:

2017

Bologna e Ferrara

Tper

Le News

Leggi le ultime notizie sul progetto
Torna su