Bolognesi e senso civico

Giovedì 16 giugno alle ore 18 presso l’oratorio San Filippo Neri proseguono le iniziative di #Unannoper30anni, le iniziative organizzate dal Centro Antartide in città in occasione del suo trentesimo compleanno. Vito e Patrizio Roversi dialogheranno con Roberta Li Calzi, Assessore al Bilancio e allo Sport del Comune di Bologna e Maria Letizia Guerra, Delegata all’Impegno Pubblico dell’Università di Bologna sui temi del senso civico dei cittadini bolognesi, tra virtuose abitudini del passato e futuro

Da oltre 10 anni, il tema del senso civico è al centro del lavoro del Centro Antartide: a partire dal grande progetto cittadino Bologna Città Civile, al Premio Città Civile e Bella, da Le città come beni comuni che ha portato alla costruzione del “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani” ai tanti percorsi partecipativi sviluppati sui territori e ai progetti che da sempre interessano gli spazi, come gli autobus o gli spazi della sanità, in cui questa dimensione fa la differenza, la cornice di senso è proprio quella della costruzione del capitale sociale, quella risorsa coesiva delle nostre comunità di cui un ingrediente fondamentale è proprio il senso civico diffuso tra i cittadini.

La tradizione bolognese in questo senso è particolarmente virtuosa, eppure anche nella nostra città servono nuovi strumenti per capire come valorizzarlo, diffonderlo e renderlo un tratto distintivo della nostra comunità: ne parliamo, giovedì 16 giugno alle 18.00 all’Oratorio San Filippo Neri, in via Manzoni 5, con due degli storici testimonial del Centro Antartide, Vito e Patrizio Roversi, insieme a due rappresentanti degli enti che, nel 1992, diedero vita al Centro, l’assessora Roberta Li Calzi del Comune di Bologna, e la professoressa Maria Letizia Guerra, Delegata all’Impegno pubblico su incarico del Rettore dell’Università di Bologna, in una chiacchierata informale tra vita quotidiana e politiche cittadine.

L’incontro si inserisce nell’ambito di “Un anno per 30 anni“, la serie di appuntamenti organizzati dal Centro Antartide in occasione del nostro 30esimo compleanno, che vogliono approfittare di questa ricorrenza per ricordare ma soprattutto rileggere il percorso fatto fin qui, insieme alla città che da sempre è stata il nostro laboratorio e ai tanti soggetti di tutta Italia e non solo che hanno condiviso con noi parti del cammino.

Vogliamo che questo compleanno sia un’occasione non tanto per ricordare il passato ma per confrontarci sulle nuove sfide ambientali e sociali che attendono la nostra comunità, cittadina e nazionale. Per ragionare sul presente guardando al futuro, con la consapevolezza del passato. Gli appuntamenti proseguiranno nelle prossime settimane  e nei mesi fino all’autunno, con azioni diffuse che animeranno vie e strade della città, incontri pubblici che vedranno come protagonisti esperti nazionali e internazionali che porteranno a Bologna riflessioni su alcuni temi chiave del lavoro di questi anni, dalla vivibilità urbana alla mobilità scolastica, dalla pedagogia del sorriso alla gentilezza. Due le mostre che animeranno gli spazi cittadini, legate ai linguaggi che da sempre sono stati strumenti per raccontare i temi della sostenibilità ambientale e sociale a pubblici sempre diversi, che si svolgeranno in luglio e a ottobre. Le iniziative, che si stanno realizzando con la collaborazione del Comune di Bologna, si concluderanno in occasione della Giornata Mondiale della Gentilezza, il 13 novembre.

L’incontro del 16 giugno è gratuito e aperto a tutti

Per registrarsi: https://bit.ly/bolognesiesensocivico

Facebook
Twitter
LinkedIn

I progetti

Torna su